Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
esperimento9

l’assedio dello smog. superati i limiti di polveri in sette province lombarde. lo stop alle auto.

non piove, non tira vento, gli impianti di riscaldamento si accendono, il traffico non diminuisce, con l’industria e i riscaldamente a pellet anche l’agricoltura diffonde polveri e fumi.
così nell’aria dell’alta italia gli inquinanti continuano a concentrarsi senza riuscire a disperdersi.
una condizione (quasi) unica in europa: il catino padano concentra gli inquinanti che altre aree assai più sporche disperdono con facilità perché sempre spazzate da piogge o vento.
oggi le centraline di arpa lombardia registrano per il quinto giorno consecutivo il superamento della media provinciale di 50 microgrammi per metro cubo nelle province di milano, monza, mantova, bergamo, brescia, e per il sesto giorno in quelle di lodi e cremona. la media provinciale a milano si attesta su 58,9 microgrammi di polveri in ogni metro cubo d’aria.

clicca qui per leggere l’articolo “smog. tutto quello che sai già. (e anche quello che non sai). spiegato in modo chiaro”.

secondo le previsioni elaborate dal servizio meteorologico regionale dell’agenzia, il vasto campo di alta pressione presente su gran parte del mediterraneo rimarrà sul piano padano fino alla giornata di mercoledì, mantenendo condizioni di tempo favorevole all’accumulo di inquinanti anche per oggi e domani.
successivamente l’indebolimento dell’anticiclone potrebbe portare a condizioni progressivamente più favorevoli alla dispersione degli inquinanti con un peggioramento più incisivo tra giovedì e venerdì.

“si rinnova ancora l’invito ad avere comportamenti virtuosi – suggerisce bruno simini, presidente di arpa lombardia. – per esempio non accendere i riscaldamenti autonomi viste anche le temperature esterne sopra la media e, là dove possibile, usare i mezzi pubblici. anche una guida dolce, con meno frenate e accelerazioni improvvise, può aiutare a ridurre sensibilmente l’inquinamento da polveri sottili”.

in lombardia ecco i comuni superiori ai 30mila abitanti e gli altri comuni che stanno aderendo a titolo volontario oggetto delle limitazioni: milano, paderno dugnano, rozzano, cernusco sul naviglio, pioltello, cologno monzese, bollate, cinisello balsamo, corsico, legnano, san donato milanese, rho, segrate, sesto san giovanni, san giuliano milanese e abbiategrasso.
monza, brugherio, cesano maderno, desio, limbiate, lissone, seregno.
bergamo.
brescia, san zeno naviglio.
cremona.
mantova.
lodi.

clicca qui per leggere l’articolo “smog. tutto quello che sai già. (e anche quello che non sai). spiegato in modo chiaro”.

</span></figure></a> (clicca sulla foto per vederla con nitidezza).
(clicca sulla foto per vederla con nitidezza).