Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
esperimenti-inglesi-1945-3

scienza. salute. i vaccini non sono contaminati da nanoparticelle.

stando a questo articolo scientifico molto interessante di salvo di grazia “medbunker” (clicca qui).

primo: i vaccini finora analizzati non sono contaminati.

secondo, i vaccini devono (de-vo-no) contenere tracce delle cellule di coltura, tracce che sono in genere frutto della moltiplicazione di cellule umane di donatori oppure a volte tracce delle cellule di animali dell’ordine dei primati cui apparteniamo.

terzo, i vaccini contengono nanoparticelle come contiene nanoparticelle qualsiasi (qual-si-a-si) altra cosa nel mondo animato e inanimato. tutto contiene nanoparticelle, l’aria, il sangue umano, l’acqua di fonte, la torta della nonna; perfino il vuoto spaziale contiene nanoparticelle.

quarto: chi usa la parola “nanoparticelle” per suscitare la tua paura con ogni probabilità sta cercando di truffarti.

quinto, gli esperimenti pseudoscientifici mirati a denunciare le “nanoparticelle” e altri “contaminanti” nei vaccini sono (appunto) pseudoscientifici.
sono stati condotti talmente male da non avere alcuna validità.

sesto, molti problemi complessi richiedono analisi complesse e risposte scientifiche da parte di persone esperte; molte persone invece a problemi complessi danno risposte semplici, fumose e sbagliate.

settimo. in caso di dubbio, e per tutto ciò che non ho scritto qui, consiglio intensamente di consultare la voce dunning-kruger (clicca qui).

riporto un passo dell’articolo di cui consiglio la lettura:


I vaccini inquinati? Un’esperta dice di no.


Ragazzi, io non riesco più a scrivere un articolo a settimana ma quando mi ci metto vi impegno per due settimane di lettura, quindi non vi lamentate. 🙂

Oggi parliamo di una bella notizia. Un’esperta infatti ci fa tirare un sospiro di sollievo, vedremo come ma quando le cronache sono piene di allarmi inutili e terroristici, ogni tanto una bella notizia ci vuole. Gli antivaccinisti non perdono occasione per trovare un motivo per definire “tossici” o “pericolosi” i vaccini. Ci vuole coraggio ma ci provano.
In effetti serve uno sforzo notevole per smentire l’utilità e l’efficacia di una delle più importanti e geniali scoperte dell’uomo ma gli antivaccinisti, si sa, non temono nulla e vanno persino contro il buon senso e la logica. I vaccini sono farmaci somministrati da decenni a milioni di individui. Grazie a loro abbiamo evitato, soprattutto ai bambini ma non solo, malattie, dolore, sofferenze e morte.
Siamo riusciti a debellare il vaiolo, a controllare (quasi cancellandola) la poliomielite e a quasi annullare molte malattie infettive. La loro sicurezza non è provata solo da studi e ricerche ma anche dall’osservazione: siamo sempre più sani e viviamo sempre più a lungo, un risultato pessimo se i vaccini fossero un danno per l’umanità ma eccezionale, visto che a noi interessa il benessere della stessa. Quello che invece interessa la lobby antivaccino è ottenere consensi, attirare iscritti ai loro gruppi, donazioni, soldi ed un modo immediato per farlo è “demolire” in qualsiasi modo i vaccini. Iniziando con l’insinuazione di dubbi, finendo con vere e proprie menzogne, d’altronde la teoria che voleva i vaccini collegati all’autismo si sviluppò proprio perché un ex medico diffuse una falsa ricerca piena di dati inventati.
Nei vaccini si trova di tutto!
Nel tempo abbiamo assistito quindi ad esempi di falsi studi, terrorismo, manipolazione dei dati, sono tutte fasi che l’antivaccinista deve superare, in qualche modo deve trovare un pericolo nei vaccini, qualcosa che li renda pericolosi, terribili minacciosi per tutti. Ma non ci riesce mai, anzi, a volte, come vedremo, dimostra proprio il contrario. È proprio questo che rende l’antivaccinismo un movimento ideologico, falso già dalle fondamenta. I suoi rappresentanti non hanno mai saputo portare un solo argomento valido, una sola prova reale che possa far ridiscutere l’importanza di uno o più vaccini ed è per questo che, da sempre, questa lobby è considerata antiscientifica cosa che, viste le mire (economiche) degli antivaccinisti, non stupisce.
Ricordate i tempi del “mercurio nei vaccini”?
Il mercurio nei vaccini non c’è mai stato, esisteva un suo derivato, non pericoloso, poi rimosso per sicurezza. Passata la moda del mercurio (che sarebbe stata causa di qualsiasi malattia esistente), si volta pagina e passano ad altro, come se niente fosse.
Una delle ultime mode dell’attivista che ce l’ha con i vaccini è quella di inserire, tra gli ingredienti dei vaccini, le cose più assurde e raccapriccianti. Che possono essere raccapriccianti solo se siamo ignoranti sul tema. Da medico, vi assicuro, potrei rendere molto raccapricciante qualsiasi cosa, persino il parto, l’evento più fisiologico che possa vivere un essere umano. Ma non lo faccio perché quando si trasforma in raccapricciante qualcosa di “normale”, è ovvio che vi è uno scopo diverso dall’informazione.
Dovete sapere che, per poter coltivare i virus (o i batteri) necessari alla preparazione di…

clicca qui per leggere l’articolo molto interessante di medbunker.

  • Derivato |

    “Ricordate il mercurio? C’era un suo derivato… non pericoloso, ma rimosdo per sicurezza.” Eh? E perche lo rimuovi se e’ non pericoloso?

  • Gustav |

    Non e’ che qualsiasi (qual-si-a-si) cosa te la spari in vena pero’.

  • paola zappa |

    vaccino antitetano leggo e trascrivo la composizione:
    anatossina tetanica purificata non meno di 40U.I
    Alluminio idrossido (adsorbente) 1,5 mg milligrammi
    le malattie infettive sono state debellate dall’IGIENE,
    case pulite, riscaldate, acqua corrente, energia elettrica, cibi abbondante di buona qualità.
    dove mancano queste condizioni, le malattie infettive continuano a fare morti

  • Michela |

    E chi è lei per decidere chi è scienziato di chi?
    Tanto quanto me
    Eppur si muove
    Ma capisco che non vale la pena discutere

  • Jacopo Giliberto |

    i giornalisti che citano la scienza verranno processati dal sant’uffizio subito dopo le legioni di scienziati che negano le ricerche del dottor montanari.
    eppur si muove.

  Post Precedente
Post Successivo