Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

sfrattati da trapani i bombardieri inglesi anti-gheddafi. meglio turisti e soldi.

gli aerei inglesi della raf e i canadesi che hanno volato per bombardare la libia di gheddafi sono sfrattati dall’aeroporto di trapani birgi.
il motivo è i soldi.
se ci sono gli aerei da guerra, non ci sono i charter pieni di turisti dal portafoglio gonfio.
per piloti, avieri e amminsitrativi è l’ora di preparare di malavoglia gli scatoloni e trasferirsi a cagliari elmas (o decimomannu) con armi e bagagli (in senso letterale).

londra protesta.
in italia non è giunto alcun eco pubblico della protesta inglese contro questi italiani che, vuole il luogo comune, sono alleati infìdi e combattenti deboli (è un luogo comune orrendo e smentito dalla storia, ma qualche lazzarone in italia lavora sempre per confermarlo).

la vicenda, in breve.
giovedì 13 ottobre la royal air force inglese e canadese dovrà abbandonare la base nell’aeroporto di trapani birgi dal quale da marzo decollavano le missioni contro gheddafi.
a trapani sono di stanza 7 aeroplani-radar awacs boeing e-3d dell'ottavo squadrone raf per la sorveglianza dall’alto, aerei-cisterna per il rifornimento in volo e 200 persone.

il motivo è semplice.
l’aeroporto di trapani deve essere riaperto al traffico civile perché il turismo porta incassi sontuosi, mentre gli aerei da guerra no.

la ryanair preme da marzo, da quando l’aeroporto di trapani birgi è stato chiuso agli aerei civili per fare spazio alle missioni inglesi sulla libia.
gli alberghi e i ristoranti dicono di essersi accorti immediatamente quando hanno smesso ad atterrare i turisti interessati alle bellezze di selinunte, al fascino di mozia, allo splendore di quel gioiello che è erice, alla natura esaltante delle isole egadi.
la stima è che siano sfumati 10 milioni di euro di incassi turistici.
così si sono mossi i politici locali.

l’altro giorno a londra una fonte del ministero britannico della difesa ha detto al giornalista david leppard del sunday times: «questo fatto dimostra che non ci possiamo mai fidare sul sostegno di un paese ospite per assicurarci una base».
ovviamente, per gli inglesi in questo modo i costi diventano assai più alti rispetto a quelli di una portaerei al largo delle coste libiche.

a trapani nessuno sembra saperne qualcosa.
la provincia, che è l’azionista di maggioranza della società di gestione dell’aeroporto di birgi, riferisce al sole 24 ore di non essere informata su un prossimo trasloco del contingente inglese. l’accordo che in marzo aveva portato la chiusura della pista al traffico civile – avverte però una fonte dell’amministrazione provinciale – già prevedeva la riapertura per il mese di ottobre, cioè in questo periodo.

contattata dal sole 24 ore, l’enac (l’autorità aeronautica civile che decide l’apertura al traffico) spiega di non avere per ora informazioni al riguardo.

malta durante la seconda guerra mondiale fu il perno delle missioni inglesi in libia e in italia contro l’asse.
sei mesi fa, quando l’inghilterra cercava basi da cui far decollare gli aerei diretti verso la libia, il premier fenech adami aveva detto che realisticamente la nato avrebbe preferito le basi italiane, ma che tuttavia, qualora ci fosse una richiesta, avrebbe concesso i suoi aeroporti.
l’ex presidente maltese ugo mifsud bonnici aveva però spinto sul non allineamento di malta, "che ha visto anche troppa guerra".

  • jacopo giliberto |

    il commento di questo lettore esprime per forma e contenuti la qualità dei suoi pensieri.

  • SergioOlivaMarsala |

    Signor Giliberto, questo articola meriterebbe di esesre portato al rogo! l’ho letto solo ota 16/03/2012 tramite facebook ma oltre qualche riga non sono riuscito a leggerne altre, troppa melma quel che scrive! Forse sarebbe stato più utile per lei invece di scrivere questa cazzate venire in quel periodo in Sicilia occidentale! Sergio Oliva da Marsala 348 35 86…

  • Angelo Paratico |

    Salve. Ci avevo scritto un romanzo sulla Pista Inglese nella fine di Mussolini, e’ un romanzo storico basato su ricerche fatte anche a Kew Garden, a Londra, due anni di ricerche, ma se ne sono accorti in pochi…
    Angelo Paratico “BEN” Mursia, 2010.

  • gabriele |

    scusa potresti darci la fonte della tua informazione?

  • Peppe |

    Trapani si è rotta di sostenere una guerra inutile e conveniente solo a chi fa la guerra di mestiere…Trapani oltretutto si è rotta di sostenere l’italia … il motivo sono i soldi…GIUSTO,ESATTO… rivogliamo i soldi, vogliamo lavorare e ce ne infischiamo della caccia all’uomo o guerra o quello che sia Chi campa di turismo a Trapani tira l’acqua al suo mulino e nessuno si DEVE permettere di giudicare la nostra posizione, o di dire che dobbiamo sacrificarci obbligatoriamente. Se l’italia fosse uno stato unito questo non accadrebbe .. invece la dura realtà è che il resto d’italia critica il nostro rivendicare turismo come fosse un capriccio , quando invece è il sincero sforzo di non far crollare una provincia ed i sogni di troppe persone che della guerra se ne infischiano altamente. Per noi trapanesi questa protesta è istinto di sopravvivenza.

  Post Precedente
Post Successivo