Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

arrestati gli imbecilli che hanno inquinato fiumi e mari per rubare il cherosene di fiumicino.

nove romeni e due italiani. erano stati loro, sciagurati, a inquinare con il cherosene grandi zone pregiate attorno all’aeroporto di fiumicino.

nel novembre scorso un oleodotto dell’eni tra maccarese, fiumicino e arrone si ruppe.
inquinamento, luminescenza idrocarbura sull’acqua dei rivi che portano al tirreno.
la rottura, per la verità, pareva moooolto strana.
vergogna, scandalo, l’eni inquinatrice.

in gennaio la magistratura sequestrò l’oleodotto.
vergogna, scandalo, l’eni inquinatrice.
eppure, già si sapeva che la rottura era effetto di un furto.

ne avevo scritto un articolo di commento sul sole24ore (per leggerlo clicca qui)

(così come attorno a natale era un furto all’origine dell’incendio che aveva devastato, con fiammate alte così, un’istallazione in un gasdotto snam a ravenna.
così come a volte si trovano ladri fulminati sui cavi dell’alta tensione che avevano cercato di rubare.
così come in africa nera, per esempio in nigeria attorno a port harcourt, la foresta è chiazzata da enormi macchie di petrolio: ladri bucano gli oleodotti, riempiono le taniche e poi lasciano il petrolio a gorgogliare fuori dalla condotta per giorni e settimane prima che qualcuno s’accorga del danno).

con il gusto mediocre con cui vengono chiamate spesso le inchieste, i bravissimi carabinieri di rieti hanno denominato “operazione oil vampires” l’indagine che è riuscita un paio di giorni fa a far arrestare undici persone, 9 romeni e 2 italiani, ritenute essere i componenti di una banda specializzata nei furti di rame dalle aziende del centro italia e – con un danno gravissimo – nel furto dall’oleodotto che correndo sotto le campagne laziali porta il cherosene destinato agli aerei di fiumicino.
oltre all’accusa di associazione per delinquere finalizzata a furti e ricettazione, per tre di questi galantuomini c’è anche l’imputazione di disastro colposo ambientale.

in particolare, la conduttura veniva messa a nudo scavando nel terreno e per sei volte (sei volte!) è stata trapanata per rubare il cherosene degli aerei.
il 9 dicembre scorso, due romeni di 29 e 31 anni sono stati sorpresi dai carabinieri mentre collaudavano un rubinetto applicato forando la condotta interrata dell’oleodotto nel tratto che passa attraverso il comune di aprilia.

tuttavia, da quanto ho potuto apprendere la tubazione avrebbe anche altre deviazioni nascoste alle quali forse mungerebbero alcune utenze. ma non so più di quanto sto scrivendo, e potrei sbagliarmi di grosso.

come avevo scritto in 4 gennaio sul sole 24ore, quelli di fiumicino non sono criminali, non ne hanno la dimensione tragica che a volte hanno alcuni criminali, né la genialità distorta di alcuni malviventi, né hanno la forza suprema della disperazione dei ladri africani.
questi, no.

questi che per riempire di cherosene una cisterna hanno inquinato interi fiumi e mari sono solamente, e solennemente, imbecilli.

  • massimo |

    è veramente una VERGOGNA OGGI 9 APRILE LI HANNO MESSI FUORI DAL CARCERE E QUESTA E’ GIUSTIZIA
    IN TUTTO IL MONDO SAREBBERO STATI PUNITI SERIAMENTE E QUI IN ITALIA CHI DELINQUE E’ PREMIATO – MA CHI PROTEGGE I CITTADINI ITALIANI? MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO E DEL MIO PAESE SONO NAUSEATO E AL PIU PRESTO ANDRO’ A VIVERE IN UN ALTRO STATO QUI ORMAI E’ INPOSSIBILE

  • Diego Vitali - Gocce di Verità |

    Caro Jacopo, è anche per colpa di questi “imbecilli” che in Italia, purtroppo, alcuni progetti industriali da cui dipendono il nostro benessere, appaiono alla popolazione come una continua opera di maltrattamento ambientale. Bisogna punire i colpevoli e cercare di non confondere l’errore (o meglio il reato) di un singolo con l’operato di un’intera filiera – come quella energetica – che offre posti di lavoro e contribuisce alla realizzazione di prodotti di uso comune, come i pc alcuni prodotti biomedicali.
    Lo sviluppo sostenibile è possibile, anche in Italia.
    Diego Vitali
    http://www.goccediverita.it

  • luigina |

    caro giornalista, ti ringrazio per la tua attenzione rivolta allo sfruttamento e all’inquinamento del suolo e dell’ambiente in generale. Credo che la stampa e mass media in generale debbano rivolgere la loro attenzione sempre di più a questi problemi.E’ giusto che il popolo rifletta su ciò che andremo incontro verso questo sfruttamento e saccheggio del pianeta (mari e fiumi compresi), non daremo alle prossime generazioni una chance per poter vivere sulla terra. Stiamo solo a pensare ad una economia basata sul consumo, sul problema spread e di mala politica. Le grandi multinazionali hanno una buona responsabilità e noi come consumatori. Vogliamo vedere il territorio invaso solo da discariche? Già vediamo i cambiamenti climatici cosa comportano. Come si dice buona ecologia vuol dire buona economia. Se solo pensassimo di lavorare per l’ecologico avremmo da creare molti posti di lavoro. Stiamo perdendo una grande percentuale di fauna e flora selvatica, ma a quanto pare a pochi interessa. Tra un po’ non avremmo più acqua potabile dai nostri rubinetti. E pensare che Renzi pensa a trivellare nelle regioni a sud del nostro paese dove ne ricaverà che poche gocce di petrolio. Molti paesi del nord Europa stanno facendo molto in questo senso. L’Italia è quasi sempre il fanalino di coda.
    Grazie

  • Jacopo Giliberto |

    sulla punizione, tutti d’accordo.
    ma io continuo a trovare nel termine *criminali* una dimensione umana (negativa, ma con dentro di sé la componente tragica dell’uomo) che questi subumani non hanno né meritano.

  • Goffredo |

    concordo con Luigina, definire imbecilli gli autori dei reati (come ha fatto l’autore dell’articolo) è sbagliato.
    Sono dei criminali ed andrebbero perseguiti come tali.

  Post Precedente
Post Successivo