Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

sorpresa. l’arabia saudita, che nuota nel greggio, vuole 16 reattori nucleari in 20 anni.

mentre la germania, una delle grandi potenze industriali, ha deciso di uscire con gradualità dall'esperienza nucleare; mentre l'italia si prepara ad affrontare il suo secondo referendum atomico; mentre il giappone s'arrabatta nel tentativo di uscire dalla crisi irrisolta di fukushima; mentre accade tutto questo l'arabia ha deciso di dotarsi di sedici reattori nucleari entro il 2030.
sedici. il doppio del programma nucleare italiano promesso e poi fermato.

qualche dettaglio ricavato da una notizia della reuters. i sauditi vorrebbero avviare due centrali l'anno con un costo di 7 miliardi di dollari l'una, per arrivare a 16 reattori nel 2030, in modo da soddisfare con l'energia nucleare il 20% del fabbisogno elettrico.

l'arabia è il maggiore produttore ed esportatore di petrolio al mondo, e i giacimenti sono comodi, poco profondi, forniscono petrolio di ottima qualità a costo assai contenuto.

anche l'iran, paese che galleggia su giacimenti spropositati di greggio e metano, da qualche anno è al centro di polemiche internazionali perché vuole dotarsi di energia atomica, come quella di buscer che è in avviamento con tecnologia vver della russa rosatom.

un anno e mezzo fa gli emirati arabi uniti avevano contattato un consorzio coreano per la costruzione di quattro centrali atomiche del costo di 20,4 miliardi di dollari.