Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

acqua. referendum. spaziani (acquedotti pubblici): se passa, niente soldi per l’acqua pubblica.

problema.
uno dei due referendum sulla *privatizzazione dell'acqua* non riguarda per niente la privatizzazione.
al contrario.
il quesito con la scheda gialla invece di contrastare la privatizzazione ha come effetto la paralisi (lo trovo pazzesco) degli acquedotti pubblici.

in altre parole, se passassero i sì al referendum con la scheda gialla, gli acquedotti non avranno più i soldi per cambiare i tubi che pèrdono, per assumere analisti e comprare apparecchiature per il laboratorio d'analisi, per costruire un depuratore efficiente.

lo racconta bene qui sotto adolfo spaziani, direttore della federutility, l'associazione degli acquedotti pubblici e delle altre aziende di servizi pubblici locali.

nei giorni scorsi ho pubblicato in queste pagine un documento degli acquedotti pubblici, preoccupatissimi perché uno dei due referendum sull'acqua (quello con la scheda gialla) in realtà non è contro la *privatizzazione* bensì dissesta i bilanci di tutti gli acquedotti, pubblici e privati, e soprattutto pubblici.

avevo trovato e pubblicato un documento degli analisti londinesi della fitch, una delle più autorevoli società di rating, che diceva la stessa cosa: il referendum scheda-gialla blocca tutti gli acquedotti e rischia di mandarli al dissesto.

poi ho pubblicato un interessante commento di andrea gilardoni, professore alla bocconi e uno dei massimi esperti italiani di economia degli acquedotti.

mi spiego meglio.

dei referendm (nucleare, acqua, legittimo impedimento berlusconiano), sulla "privatizzazione" dell'acqua ci sono due schede.
uno dei due referendum riguarda i soci privati delle società acquedottistiche e di depurazione, e quindi è effettivamente relativo alla privatizzazione del servizio.

ma l'altro dei due quesiti del referendum, quello con la scheda gialla, riguarda la determinazione della tariffa del servizio dell'acquedotto idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito, e riguarda tutti, proprio tutti, gli acquedotti.
soprattutto quelli pubblici.
la domanda che ci sarà posta è:

volete voi che sia abrogato il comma 1, dell'art. 154 (tariffa del servizio idrico integrato) del decreto legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 "norme in materia ambientale", limitatamente alla seguente parte: "dell'adeguatezza della remunerazione del capitale investito"?

al dibattito qui aggiungo una nuova voce, appunto il parere di adolfo spaziani, che coordina gli acquedotti pubblici.

le argomentazioni consiglierebbero, almeno per non avere rimorsi, di non ritirare le due schede sull’acqua.
naturalmente non lo faranno le forze politiche, anche perché il marketing politico non premia le distinzioni.
in fondo è lo stessa motivazione che ha condannato l’opposizione per tanti anni a essere irrilevante.

l’unica sottolineatura è la mia assoluta convinzione che il "fuoco amico" colpisce pesantemente le aziende pubbliche efficienti e i pochi grandi gruppi di derivazione municipale che si sono spesi per far crescere una gestione industriale non dipendente dalla finanza derivata.
altro che difesa dell’italianità.

pensavamo nei prossimi anni di assumere ingegneri e tecnici.
invece ci troveremo a sviluppare contenziosi amministrativi senza fine (tar, consiglio di stato, grandi e piccoli studi legali).
penso solo alla distinzione tra il periodo ante referendum e quello successivo.

le imprese serie senza alcuna protezione sui molteplici rischi del settore (rischio credito, ambientale, regolatorio…) indirizzeranno le risorse in altri campi (le rinnovabili offrono un bel terreno di pascolo) e tutto sarà nelle mani della finanza pubblica che dovrebbe in questo momento essere indirizzata a sostenere lo sviluppo.
naturalmente  la politica dopo aver omaggiato e lodato le proposte del governatore draghi,  ha deciso di fare esattamente l’opposto.
del governo è meglio non parlare, anche per come ha trattato il nostro settore quando chiedevamo di superare alcuni buchi del decreto ronchi.

sono già costretto al lavoro a vedere come limitare i danni per gli acquedotti pubblici.

naturalmente, mi sarà caro il parere di tutti.

  • Sebastiano Moruzzi |

    E’ inutile fare domande retoriche. Non ho detto che il consumo dell’acqua si debba pagare con le tasse, ma che gli investimenti sulle infrastrutture debbano essere sostenuti dal bilancio pubblico. Sono due capitoli di spesa diversi no?

  • roberto |

    Scusate forse sarò stupido io, ma non mi è chiaro l’argomento, in parole povere votando sì io tolgo la possibilità alla federutility o comunque all’ente che gestisce l’acqua di ricorrere a prestiti bancari per la manutenzione degli acquedotti, giusto? allora questi soldi che servono per gli acquedotti li dovremmo mettere noi con le bollette, oppure, se vince il no, la federutility (o chiunque altro sia) può chiedere prestiti bancari e poi quei soldi ovviamente li dovremmo ritornare noi alle banche con le bollette. E’ così?? C’è qualche altro aspetto che non ho colto? E poi Jacopo perchè se vince il sì regalo acqua alla grande industria consumatrice d’acqua? Loro non pagano le tasse?
    Mi piacerebbe avere delle risposte perchè mi avete abbastanza confuso!
    Roberto

  • jacopo giliberto |

    mmm. quindi chi vota “sì” al referendum vuole che l’acqua si paghi sulle tasse?
    non vuole che ciascuno paghi secondo quanto consuma e secondo la qualità? vuole regalare acqua e depurazione agli evasori fiscali e alla grande industria consumatrice di acqua?
    è questo che vuole chi dice sì alla scheda gialla?
    penso proprio di no.
    e allora perché in tanti chiedono che l’acqua non deve generare profitti per gli acquedotti pubblici, e che deve entrare nelle tasse?

  • Sebastiano Moruzzi |

    Mi sembra troppo sempiclistico dire che con il si’ si distruggono gl acquedotti. Ci sono troppe assunzioni controverse dietro questa conclusione. Sarebbe come dire che se ci opponessimo ai prestiti di banche per la scuola publbica vorremmo distruggere la scuola pubblica. Il problema mi sembra invece quello di avere una giusta tassazione (progressiva), ridurre l’evasione fiscale e riallocare le risorse pubblische investendo su beni comuni, scuola e ricerca e disinvestendo su altre cose come le spese militari (vedi il bilancio statale alternativo redatto da Sbilanciamoci http://www.sbilanciamoci.org)

  • Fabio |

    Mi sembra semplice la soluzione: non si prende la scheda rossa (ossia si accetta la privatizzazione della gestione degli impianti idrici/acquedottistici) ma si vota si sulla scheda gialla( ossia si elimina “la adeguata remunerazione …”).
    Così gli acquedotti saranno gestiti da soggetti privati o pubblico/privati, ma non potranno “gonfiare” troppo le tariffe.
    Et voilà!

  Post Precedente
Post Successivo