Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

ecocronache da ecomondo. prestigiacomo sotto tiro. ecco il rutelliano giuseppe vatinno.

oggi stefania prestigiacomo, ministra dell'ambiente, era attesa indarno a rimini per inaugurare ecomondo, la fiera della sostenibilità.

ovvio che – con il governo sottosopra – prestigiacomo preferisse lavorare sul fronte politico più caldo.
e la temperatura (politica) di roma oggi è più rovente di quella di rimini.

ma giuseppe vatinno, responsabile ambiente dell'alleanza per l'italia (il gruppo guidato da francesco rutelli) ha qualche osservazione sulla politica ambientale di prestigiacomo.

dice vatinno:

in questo momento così difficile per l'Italia, con i nostri titoli sotto assedio e con una grande incertezza istituzionale, va detto che – oltre alle dimissioni di berlusconi – occorre anche chiedere quelle di chi, come il ministro dell'ambiente stefania prestigiacomo, in questi anni ha fatto pochissimo per la green economy e per l'impegno ecologico, perdendo quasi tutti i fondi ministeriali e di fatto isolandoci dall'europa e dal mondo.
ci vorranno anni per recuperare, anche in questo campo, un po' di credibilità internazionale.

questo dice vatinno.

io sono d'accordo con lui solamente in parte.

dissento su un aspetto in particolare.
prestigiacomo forse (anzi, di certo) non è il migliore ministro dell'ambiente che l'italia abbia avuto, ma ancora più di sicuro non è il peggiore.
la storia del ministero ha avuto in quel ruolo molti (molti) ministri da dimenticare. prestigiacomo non è tra questi.

  • jacopo giliberto |

    le assicuro che da altri ministri dell’ambiente ho visto molto, molto, molto peggio, e anche molta molta molta più inettitudine.
    (poi ci sono stati anche ministri di altissimo valore. pochi, purtroppo).

  • Uno Qualunque |

    Egr. Sig. Jacopo:
    dissento fortemente dal suo dissentimento (mi scusi il gioco di parole), e le spiego anche il perchè:
    1) Non è mai successo che un ministro (con la M maiuscola, possibilmente) si sia permesso di offendere le categorie che dovrebbe rappresentare o perlomeno gestire. Nessun ministro della Repubblica si è mai permesso di definire 300.000 operatori, in questo caso quelli del rifiuto, cialtroni, allergici ai controlli, ignoranti dal punto di vista normativo ed informatico, trattandoli come una sorta di trogloditi che operano su veicoli a tre ruote che urlano sotto le finestre nella speranza di raccogliere ciarpame.
    2)Non vi è stato un solo atto della signora prestigiacomo, che abbia avuto una pubblica utilità o sia servito a mettere chiarezza in un settore che da lavoro ad oltre un milione di persone. L’unica cosa che mi viene in mente, è stata la raccolta differenziata a Panarea,( e ci voleva un ministro per farla..!!) suo luogo prediletto di vacanze…
    3) Non parliamo del sistri, bidone informatico sostenuto a testa bassa dalla ministra contro ogni logica e contro ogni richiesta di collaborazione da parte dei futuri utilizzatori…Per fortuna su questo stà indagando la magistratura, oltre ad una commissione parlamentare per le ecomafie..Nel frattempo sono stati RAPINATI 80-90 mln. di euro alle imprese, senza dare in cambio nulla…!!!!
    Vuole che vada avanti??
    Vogliamo parlare dei suoi conflitti di interesse familiari, oggetto di interpellanza parlamentare senza alcuna risposta??
    La prestigiacomo è stata una ulteriore vergogna per il nostro paese, dal punto di vista politico, amministrativo e di immagine, con la speranza che scompaia al più presto dalla scena politica nazionale…

  • jacopo giliberto |

    dissento.
    stefania prestigiacomo non è stata la peggiore dei ministri dell’ambiente, al contrario.
    il panorama dei ministri dell’ambiente ha nomi che sono stati assai peggiori.
    faccio un elenco per ricordarle le persone che si sono alternate dall’83, anno di fondazione del ministero:
    valerio zanone
    francesco de lorenzo
    mario pavan
    giorgio ruffolo
    carlo ripa di meana
    francesco rutelli (pochi istanti)
    valdo spini
    paolo baratta
    edo ronchi
    altero matteoli
    willer bordon
    alfonso pecoraro scanio
    stefania prestigiacomo
    tra questi, qualche nome sicuramente di altissimo livello.
    ma sono sicuro che saprà trovare diversi ministri dell’ambiente che hanno lavorato peggio, assai peggio di prestigiacomo.

  • Uno Qualunque |

    Parlare della Prestigiacomo senza usare toni ed epiteti volgari, mi sembra obiettivamente difficile….E’ stata, non soltanto il PEGGIOR ministro dell’ambiente degli ultimi 20 anni, ma anche una incapace politicamente parlando, senza alcun spessore ideologico personale, capace soltanto di piagnucolare con Berlusconi per ottenere le cose, figlia soltanto (e non solo anagraficamente) di poteri forti che è ha cercato di difendere…Scomparirà nel nulla da dove è apparsa…..Resteranno soltanto le foto dei suoi sculettamenti in bikini sui giornali di gossip….

  • giordano50 |

    Se la Prestigiacomo ha delle qualità queste non hanno nulla a che fare con l’ambiente o addirittura con la politica. Quindi pensare di paragonarla a qualcuno che vada per la migliore mi sembra pura follia e sicura offesa al all’intelletto. Smettiamola una buona volta di essere servi e giudichiamo la gente per quello che fa nelle funzioni che è chiamata a svolgere. Non parliamo poi degli immeritati compensi.

  Post Precedente
Post Successivo