Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

ambiente a rischio. pesci sempre più rari, estinzione per il 15% degli uccelli europei.

secondo alcune relazioni pubblicate oggi dalla commissione europea, nell’ue quasi il 15% degli uccelli è a rischio di estinzione così come lo è il 7,5% di tutte le specie ittiche marine delle sue acque: squali, razze, nibbi, falchi e tanti altri animali.
oggi si apre inoltre la settimana verde 2015, la più grande conferenza europea dedicata alla politica in materia di ambiente, che esaminerà le cause alla base di queste tendenze e come combattere la perdita di biodiversità. la conferenza dura tre giorni, è gratuita e aperta a tutti; tutte le sessioni sono trasmesse in streaming.

il primo vicepresidente frans timmermans, responsabile per lo sviluppo sostenibile, ha detto: “biodiversità significa salute e ricchezza. dobbiamo quindi tutelarla perché sta alla base della qualità della nostra vita e della nostra economia; la biodiversità è sotto minaccia e dobbiamo assicurarci che sia adeguatamente protetta. la settimana verde fornirà contributi preziosi per il controllo dell’adeguatezza delle direttive incentrate sulla natura, attualmente in corso. ciò significa migliorarne le modalità di funzionamento e rendere più facile la loro applicazione, pur senza compromettere tutti quegli obiettivi così importanti per i nostri cittadini.”

il commissario karmenu vella, responsabile per l’ambiente, gli affari marittimi e la pesca, ha aggiunto: “queste relazioni contengono alcune statistiche preoccupanti – ma dimostrano anche l’efficacia di azioni ben orientate per la protezione della biodiversità dalla quale dipendiamo. dobbiamo trovare il modo di fare di più a partire dai successi già ottenuti, diffondendoli anche ad altri ambiti. la settimana verde è un’eccellente opportunità per raccogliere contributi in vista dei prossimi passi”.

pubblicate dopo la recente relazione sullo stato della natura nell’unione europea, queste ultime liste rosse (finanziate dalla commissione europea) dipingono uno scenario altrettanto contrastato della vita selvatica nell’unione e sottolineano l’urgente necessità di agire. esse dimostrano anche che gli sforzi per migliorare gli ecosistemi vulnerabili possono risultare estremamente efficaci.

nonostante alcuni successi nell’ambito della conservazione, molte specie ittiche sono in declino a causa di uno sfruttamento eccessivo, di cambiamenti nell’utilizzo del territorio, dell’inquinamento, dello sviluppo delle infrastrutture e dei cambiamenti climatici.

mentre il merluzzo bianco e il tonno rosso mostrano segni di ripresa, la gestione dell’ambiente marino è stata meno efficace per altre specie commerciali. gli squali e le razze sono le specie più minacciate: il 40,4% rischia l’estinzione e il 39,7% è in calo demografico. lo squadro (squatina squatina) è a grave rischio di estinzione: una volta era presente ovunque nelle acque europee, oggi si trova solo intorno alle isole canarie.
per quanto riguarda gli uccelli, il 13% delle 533 specie esaminate (ossia 67) sono in pericolo, tra cui 10 a grave rischio di estinzione (il più alto livello di vulnerabilità).
tra queste anche specie emblematiche come la pavoncella gregaria, lo zigolo dal collare e il chiurlottello.

interventi di conservazione mirati promossi da iniziative a livello unionale hanno però conseguito risultati positivi: 20 specie precedentemente a rischio sono attualmente classificate come a rischio minimo, come il pellicano riccio, l’occhione comune, il nibbio bruno e il falco grillaio.

che cosa sta facendo l’ue per proteggere la biodiversità?
la strategia per la biodiversità dell’unione europea prevede una serie di interventi per arrestare e invertire, entro il 2020, la perdita di biodiversità e di servizi ecosistemici. la commissione è attualmente impegnata in una valutazione intermedia della strategia, che si propone di individuare eventuali settori che possono essere migliorati.
la commissione sta anche effettuando un controllo dell’adeguatezza della legislazione incentrata sulla protezione della natura. la settimana verde sarà scandita da sessioni specifiche all’interno delle quali questi e altri temi saranno esaminati e discussi. in parallelo, fino al 24 luglio resterà aperta una consultazione online relativa alla legislazione ambientale (direttive uccelli e habitat).

altre info

la settimana verde 2015 (clicca qui)

la strategia dell’ue per la biodiversità fino al 2020 (clicca qui)

il controllo dell’adeguatezza delle direttive uccelli e habitat (clicca qui)

le liste rosse europee (clicca qui)