Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

rinnovabili. dati e spunti. i costi e le politiche energetiche. (secondo aie-iea).

alcune considerazioni emerse di recente durante un convegno promosso dal gse (gestore dei servizi energetici).

è vero che alcune fonti rinnovabili non sono programmabili, perché non si può comandare al vento di soffiare più o meno forte né alle nuvole di spostarsi e di lasciar battere il sole sui pannelli fotovoltaici.
se non possono essere modulate, queste fonti rinnovabili sono però molto molto prevedibili. l’errore di previsione del gse nel 2014 è stato in media di appena l’1,4%.
cioè le previsioni su vento, pioggia e intensità del sole hanno una precisione altissima.
e quell’1,4% di errore di previsione? è presto detto. sono gli impianti rinnovabili che escono di rete in modo imprevisto. sono piccole centrali domestiche a cui si rompe l’inverter o da cui vanno spazzate le foglie secche che si erano posate sui vetri dei pannelli. oppure sono centrali più grandi che hanno un’avaria, ma in genere le centrali più grandi comunicano per tempo guasti e durata del fermo.

dice maria van del hoeven, direttrice uscente dell’aie (agenzia internazionale dell’energia, l’organizzazione parigina dei paesi ocse), che le fonti rinnovabili aiutano non solamente a ridurre le emissioni di anidride carbonica, il gas accusato di produrre il riscaldamento del clima, ma in generale contribuiscono a ridurre l’inquinamento e danno una spinta allo sviluppo economico e all’innovazione tecnologica.
però il processo è troppo lungo rispetto alla china verso cui l’umanità si sta avvicinando, e i governi devono accelerare – dice van del hoeven.

</span></figure></a> agenzia internazionale dell’energia, rapporto *energy technology perspective*. il contributo delle rinnovabili alla riduzione della co2
agenzia internazionale dell’energia, rapporto *energy technology perspective*. il contributo delle rinnovabili alla riduzione della co2

frase di van der hoeven meritoria di essere citate e ripresa:
*i costi non possono essere una scusa per rinviare le politiche ambientali*.

</span></figure></a> IEA government Energy RD&D expenditure
IEA government Energy RD&D expenditure

un’altra frase di maria van der hoeven che andrebbe scolpita nel miglior marmo rosso di verona:
*per le rinnovabili l’italia ha fatto molto. l’italia è un laboratorio vivente* (a living laboratory).

ancora: *le città vanno viste come uno strumento formidabile per realizzare politiche energetiche e climatiche*.

(devo osservare che l’aie in questi anni è cambiata. una volta i sapientoni di parigi sbuffavano infastiditi quando si parlava di ambiente e di rinnovabili).

</span></figure></a> Cost of electricity generated and utility-scale PV capacity installations in Germany<br>
Cost of electricity generated and utility-scale PV capacity installations in Germany

troviamo un problema di comunicazione: le persone non ci capiscono. la gente normale quando parliamo di ppm o di riscaldamento globale ci guarda sbigottita come se parlassimo di cose remote o stravaganti.

per ridurre le emissioni di co2 è meglio una carbon tax o un sistema come l’ets (emissions trading scheme) adottato dall’europa?
risponde maria van der hoeven dell’aie: dipende. dipende dalle diverse situazioni dei diversi paesi e mercati.

l’italia ha ammodernato il parco centrali puntando sulla tecnologia del turbogas a ciclo combinato. puntando sul gas. poi c’è stato il boom delle fonti rinnovabili d’energia, che hanno creato un surplus, e c’è stata la crisi economica che ha ridotto i consumi.
*il ciclo combinato si è trovato strizzato* (squeezed) *fra le rinnovabili e un carbone a prezzi molto competitivi*.

</span></figure></a> Projections of wind and solar PV generation
Projections of wind and solar PV generation

l’ipotesi aie è di arrivare al 24% di elettricità rinnovabile nel mondo, con uno scenario (immaginifico) dell’80% (fino al 90% in europa). però mancano le reti capaci di reggere questo scenario.

  • Gocce di verità |

    Importante e interessante il punto evidenziato dal discorso di Maria Van Del Hoeven: “dipende dalle diverse situazioni dei diversi paesi e mercati”. Un caso esemplare è stato quello della Germania, che voleva puntare tutto sulle rinnovabili e invece poi si è trovata costretta a fare un passo indietro. E’ giusto spingere sulle rinnovabili anche se ciò va a scapito dello sviluppo economico complessivo di un Paese? E’ quello che potrebbe succedere in Italia se non ci si rende conto che la logica delle “rinnovabili” come unica fonte, sempre e comunque, non può funzionare finché non avremo le strutture e la burocrazia adatte ad un tale passo.

  • Gocce di verità |

    Importante e interessante il punto evidenziato dal discorso di Maria van del hoeven: “dipende dalle diverse situazioni dei diversi paesi e mercati”. Un caso esemplare è stato quello della Germania, che voleva puntare tutto sulle rinnovabili e invece poi ha poi si è trovata costretta a fare un passo indietro. E’ giusto spingere sulle rinnovabili anche se ciò va a scapito dello sviluppo complessivo di un Paese? e’ quello che potrebbe succedere in Italia se non ci si rende conto che la logica delle “rinnovabili” come unica fonte, sempre e comunque non può funzionare.

  • Gocce di verità |

    Interessante e importante il punto evidenziato rispetto al discorso di maria van del hoeven “dipende dalle diverse situazioni dei diversi paesi e mercati”. Se mancano le politiche e le risorse, ha senso spingere sulle rinnovabili andando a discapito dello sviluppo complessivo di un Paese? Come è andata in Germania è un caso esemplare: hanno ridotto le politiche sulle rinnovabili perché troppo costose. L’Italia ha le risorse ma non ancora abbastanza infrastrutture e burocrazia snella per farlo diventare l’unico e il più virtuoso sistema energetico.

  Post Precedente
Post Successivo