Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

verso il referendum. se vince il sì, quest’anno perdiamo 562 milioni di metri cubi di gas e 44 impianti.

a margine del referendum sulle trivelle.

non è possibile calcolare gli effetti dell’astensione dal voto o da una (improbabile) vittoria dei no, ma si può sapere con esattezza un effetto di una vittoria dei sì.
cioè si può sapere quanti impianti chiudono e a quanto metano nazionale dobbiamo rinunciare.

</span></figure></a> ho scattato questa fotografia con il telefonino su una piattaforma italiana.
ho scattato questa fotografia con il telefonino su una piattaforma italiana.

se vinceranno i sì, entro fine anno usciranno per sempre di scena per scadenza:
12 concessioni su giacimenti di metano (fra queste, nessuna di petrolio)
– su cui ci sono 44 impianti
– che governano 207 pozzi di metano
– i quali estraggono 562,1 milioni di metri cubi di gas, che dall’anno venturo dovranno essere importati da russia, algeria, libia, olanda.
zero petrolio in meno. (nessuna concessione petrolifera è in scadenza quest’anno).

ripeto.
se vincerà il sì, fra lunedì 18 aprile e il 31 dicembre di quest’anno tu, io e tutti noi italiani rinunceremo a 12 concessioni, 44 impianti, 207 pozzi, 562,1 milioni di metri cubi di metano.

clicca qui per leggere l’articolo 10 domande e 10 risposte sul referendum
clicca qui per vedere alcuni video che ho rubato su una piattaforma in un mare italiano.
clicca qui per leggere l’articolo sulle royalty e sul prelievo medio-alto dell’italia.

</span></figure></a> ho scattato questa foto dall’elicottero in avvicinamento verso una piattaforma petrolifera italiana.
ho scattato questa foto dall’elicottero in avvicinamento verso una piattaforma petrolifera italiana.
  • arthemis |

    @H24

    forse bisogna avvisare quelli che ogni anno assegnano le ‘bandiere blu’ a cittadine romagnole, non si sono accorti dell’inquinamento…

  • Jaky |

    Entro le 12 miglia non si trivella già da anni, è vietato da anni. L’inquinamento di cui parli in base a che dati parli ?

  • Jacopo Giliberto |

    un dubbio che forse lei sa risolvermi.
    in seguito alla chiusura dei giacimenti nazionali di gas, gli italiani consumeranno meno petrolio e meno gas? le emissioni scenderanno? l’inquinamento scenderà?

  • Dennis |

    Il problema è la totale dipendenza da questi sistemi di energia, che siano altri stati a trivellare ha importanza semplicemente perché le trivellazioni avvengono sempre nello stesso pianeta terra. Ogni forma di combustione inquina, ogni disastro ecologico si ripercuote ovunque. È ora (anche se tardi) che si capisca l’importanza di un mondo pulito. Punto.

  • H24 |

    Ciao,Di sicuro si perderanno dei soldi se vincerá il si…ma se vincerà il NO si continuerà a trivellare,non si perderanno sodi ma si perderanno molte vite per colpa dell’ inquinamento e per chi risponderà dicendo che se le trivelle si fermano si perderanno posti di lavoro,io in anticipo vi posso dire che questo è impossibile perchè se vincerà il NO la morte di animali e l’inquinamento dei territori e dell’acqua renderà impossibile l’agricoltura e l’allevamento.

  Post Precedente
Post Successivo