Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

bolletta elettrica a rischio siccità. dighe semivuote, metano a tutta forza.

clicca qui per leggere tutto l’articolo

potrebbe essere una conseguenza del cambiamento del clima o, più facilmente, è una variazione del momento come accade di continuo nella meteorologia; ma la siccità di questi mesi lascia a secco non solamente fiumi, laghi e canali irrigui ma anche le centrali idroelettriche.
i chilowattora prodotti dalla corsa dell’acqua sono in frenata brusca da qualche mese.
poiché i consumi elettrici crescono (complice ancora una volta il clima), per soddisfare la domanda degli italiani devono marciare di più le centrali termoelettriche, e soprattutto quelle alimentate dal metano.
il quale costa, e il quale pesa sulla bolletta dei consumatori. e presto l’aumento di consumi di gas potrebbe farsi sentire sui costi elettrici.

</span></figure></a> come cambia il peso delle diverse fonti energetiche.
come cambia il peso delle diverse fonti energetiche.

secondo i dati di terna, la spa dell’alta tensione, al 31 dicembre i bacini idroelettrici italiani erano vuoti a metà.
lo stato d’invaso diceva che un mese fa le dighe erano prosciugate con il 50% netto della capacità.
da ottobre in poi l’acqua nei bacini ha cominciato a scendere in modo velocissimo e sta raggiungendo il minimo dal 1970.

</span></figure></a> il grado di riempimento delle dighe idroelettriche. da ottobre (linea nera) i bacini idroelettrici si sono svuotati avvicinandosi al minimo storico rilevato dal 1970 a oggi (tratteggiata blu).
il grado di riempimento delle dighe idroelettriche. da ottobre (linea nera) i bacini idroelettrici si sono svuotati avvicinandosi al minimo storico rilevato dal 1970 a oggi (tratteggiata blu).
l’andamento di dicembre dice che le centrali idroelettriche all’asciutto hanno dimezzato la produzione del 51,1%, e il vento ha lasciato ferme le pale dell’eolico (-54,4%).
i primi segnali di gennaio confermano che la tendenza non si è interrotta nelle settimane appena passate. al contrario, si è inseverita. il secco si è…

clicca qui per leggere tutto l’articolo

</span></figure></a> il contributo di termoelettrico (rosso), import (giallo), idroelettrico (azzurro) ed eolico-solare (celeste) nelle diverse ore del giorno.
il contributo di termoelettrico (rosso), import (giallo), idroelettrico (azzurro) ed eolico-solare (celeste) nelle diverse ore del giorno.