Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

rinnovabili. una lettera a favore dei pannelli solari: ma quelli scalda-acqua.

mi scrive l'imprenditore friulano arrigo burello, che produce e vende pannelli solari termici. non sono i fotovoltaici, cioè i pannelli con il silicio che, battuto dalla luce, emette un flebile flusso di corrente incentivata dal "conto energia".
no; questi sono i pannelli che scaldano l'acqua facendo passare i tubicini. sono pannelli utilissimi perché hanno rendimenti molto alti, riescono a scaldare l'acqua anche d'inverno, e sono apprezzati soprattutto nei luoghi freddi (sulle alpi, per esempio) poiché il passaggio nel pannello termico pre-riscalda l'acqua che va alla caldaia del riscaldamento, consentendo risparmi rilevantissimi. 

ma ecco la lettera.

sono arrigo burello, presidente di solar systems spa e vicepresidente di assolterm, l'associazione del solare termico. le scrivo perchè sarei felice se prendesse con più forza anche il solare termico in considerazione.
esso infatti è attualmente:
1- il modo più economico per usare il sole
2- ha una tecnologia oramai affidabile e certa
3- non necessità di grandi supporti (per altro non difendibili) dello stato
4- inoltre è prodotto quasi complettamente in italia o in europa
5- i più importanti operatori nel settore della termotecnica (ariston, riello, ferroli, immergas, ecc) hanno investito in linee produttive.
i contributi dello stato sul fotovoltaico hanno complettamente annebbiato la mente dei consumatori e se 3 anni fa "pannelli solari" voleva dire acqua calda ora la stessa espressione vuol dire energia elettrica che paga tutto lo stato.
questa filosofia, come abbiamo visto, non porta da nessuna parte.
in italia esistono realmente un produttore (proprietà americana) di silicio, due produttori di celle e circa 25 assemblatori di moduli (vedi photon-gennaio 2011) provenienti dal sud-est asiatico (circa 1.000 persone impiegate).
il resto sono distributori, commercianti, elettricisti, progettisti e installatori.
ora le confido che anche la mia trentennale società nel termico ha dovuto (visti gli incentivi) dirottare i suoi 100 venditori (pena la chiusura) sul fotovoltaico; ma i migliori venditori non si sono dimostrati quelli che hanno sempre puntato su risparmio energetico e ambientale, ma i venditori con esperienza finanziaria.
è ovvio quindi che finora il fotovoltaico è stato una mera operazione speculativa e non culturale.
d'altronde, altro non poteva essere tecnicamente, vista l'attuale rendimento della tecnologia fotovoltaica.
i famosi 3 chilowatt elettrici vengono ottenuti con circa 24 metri quadri di pannelli fotovoltaici (13.000 euro), mentre con i pannelli termici la stessa potenza viene ottenuta con circa 5 metri quadri (4.000 euro) di solare termico.
inutile ricordare che chilowatt elettrici e chilowatt termici sono due "monete" diverse della stessa energia, come gli euro tedeschi e gli euro italiani.
in italia il solare termico da "domani" può sfornare e istallare con manodopera e industria locale migliaia di metri quadri di pannelli al giorno e "veramente" migliaia di posti di lavoro.
il fotovoltaico troverà sono sicuro un costo adeguato (ma non con i soldi dei cittadini) e quando sarà pronto tutti l'accoglieremo felicemente.
arrigo burello
solar systems spa

  • Alberto Pravisani |

    Non riesco a capire le posizioni del signor Burrello, il fotovoltaico installato in casa produce sempre e immette in rete, senza che io in casa debba consumare nulla, e di fatto riduce per la collettività la necessità di energia da combustibili fossili, il termico crea risparmio energetico solo se consumo l’acqua che scalda, altrimenti non risparmio nulla.

  • Stefano De Pietro |

    Lo dico da anni, che ci si perde l’altro 50% del problema, ossia che produrre energia elettrica per poi, alla fine, scaldare l’acqua è aberrante, quando può essere scaldata direttamente dal sole, senza inquinare, senza tanti problemi di pulizia dei pannelli. Arrigo Burello entra finalmente nei particolari.

  • Vlad |

    Noi già paghiamo in boletta 2 miliardi di cip6, nucleare e ferrovie. Il ritorno per lo stato è di 40/50 milardi di euro di tasse. Ma la cosa più importante sono le decine di migliaia di posti di lavoro.. Se poi esistono solo poche aziende che producono i wafer e 60 assemblatori la colpa è nostra……che arriviamo sempre tardi… I tedeschi non sono cretini a portare a 52.000 mw la potenza istallata di fotovoltaico.

  • Pier Luigi Caffese |

    Prima di parlar di rinnovabili bisogna conoscerne i conti.
    Desertec il vento-solare alla tedesca costa una enormità di 400 miliardi e nessuno investe questa cifra oggi in Africa.
    Le rinnovabili italiane sono vecchie e care perchè spendere 70 miliardi in 10 anni è follia per pochi GW come nelle Puglie che si vantano per 6 GW,mentre nel mio piano ne faccio 660 GWh di stoccaggio.Basta leggere il Report del Senato Usa che invita il Governo allo stoccaggio.Ma su quello chimico siamo indietro di 10 anni e non conviene perchè dovremmo ricomprare tra Cina e Giappone,mentre consiglio l’idrico di pompaggio perchè sappiamo far bene la dighe in mare,nei fiumi dove bastano dighe basse fish-boat free pass,gallerie,condotte.
    Se stocchiamo piu’ di 2.000 GWh possiamo produrre da 7 a 70 miliardi di litri di refuels ad un costo massimo alla pompa di 1 euro.Sfido chiunque a dire che è un piano impossibile mentre dico ai miei oppositori che loro vanno in giro a dire che con le membrane levano la CO2,dico che sono dei millantatori perchè ieri uno studio serio del DOE Usa dice che le tecnologie non sono pronte ed allora si deve passare dai carburanti fossili a quelli fatti con le rinnovabili stoccate in 10 anni ma a partire da subito e non rinviare alle prossime generazioni che è il vizio italico.

  Post Precedente
Post Successivo